sabato 16 febbraio 2008

Dire di no

Alla soglia dei trent'anni ho scoperto di saper dire di 'no'. E' una bella scoperta, che dà un senso di potere vicino all'onnipotenza. I miei 'no' sono detti piano, ché io in fondo sono un animo gentile, ma a volte mi scopro questo sguardo duro negli occhi, una lontananza dalle situazioni che mai avevo provato prima. Sono 'no' che talvolta nemmeno hanno bisogno di essere pronunciati, 'no' che chiudono una tenda su palcoscenici che non voglio calcare, un silenzio o talvolta anche un sorriso. Che vogliono dire, solo e soltanto: no.
Il mio primo 'no': a Effe, che a distanza di mesi pensa che io sia la stessa, gli stessi i sentimenti e la mia dipendenza da lui.
Il secondo 'no': a Silvia, che in una mail mi ha fatto sapere di aver scoperto il mio blog e averlo trovato 'interessante'. Non è interessante, il mio blog: è autoreferenziale, vanesio e talvolta sofferto. Ma mi rifiuto di pensare che sia banale quanto lo è l'aggettivo 'interessante'.
Il mio terzo 'no': a Francesco, alle sue questioni irrisolte, al passato che si ostina a non passare, ai germi di complicazioni, tormenti e passi falsi che mi deviano dal mio leggero (ed egoista) buon umore di queste settimane.
Sì, sono felice di avere la forza per sbattere delle sacrosante porte in faccia. E poi, non appena voltate le spalle, tornare a ridere per tutto quello che invece amo.
V

9 commenti:

Roberto ha detto...

Caspita devo prendere lezioni da Te,io che ancora oggi non ne sono capace di sbattere porte e chiudersi alle spalle cose che mi hanno fatto male,lascio sempre uno spiraglio aperto per l'impossibile.
Roberto

Anna ha detto...

Quoto in pieno il commento di Roberto. E' esattaemnte quello che voglio dirti. Io ho imparato a dire qualche no, dopo molti anni, ma con molta fatica e gran rammarico.
Credo che tu abbia scritto sull'onda dell'impulso e sono certa che presto cambierai idea. Non sei così cinica, mia cara. E' solo l'attimo.
Un bacio.
Anna

clotilde ha detto...

sì, saggia osservazione. il no ci sottrae al determinismo sociale e emotivo e ci fa capire se siamo diventati davvero adulti, capaci di non farci travolgere dagli eventi. per questo, quando è necessario, sbattere le porte in faccia fa benissimo alla propria autostima.

Bentornata Valentina

Daniele ha detto...

Però interessante questo post... :-P

JANAS ha detto...

pensiero divergente et originale!
me gusta...io ho scritto la fiaba del signor No! per i miei figli... per dire i no giusti! Sta in cantina ...ora vado a ripescarla!

vjj ha detto...

eum... i miei no assomigliano a quelli di Roberto... chiaro riflesso di quella patologia psicotica di cui tu sai e che io denomino Fott*** tenerezza
(non mi sembrava carino macchiare con la mia scurrilità il tuo blog, ecco tutto!).
Ciao V.

My funny Valentine ha detto...

@ Anna: sicuramente non sono così cinica. E' che a volte ho bisogno di pensare di esserlo, almeno un po'.

@ Clotilde: d'accordo con te. Il 'no' è un detonatore potente... per questo fa paura, e lo usiamo poco oppure male.

@ VJJ: puoi scrivere quello che vuoi, sul mio blog. Per una ragione semplice: non voglio che qui nessuno si autocensuri, sarebbe cosa sgradita alla padrona di casa... :-)

Un bacio a tutti.

V

guccia ha detto...

Io sono troppo donna, in tutto quello che femminile è negativo, per dire di no. Ma mi state insegnando. Per il mio bene.

My funny Valentine ha detto...

Guccia, mi sono persa qualche pezzo... Sei troppo donna per dire di no, ma al tempo stesso il femminile è negativo. Ergo, se ho capito, proprio perché sei femminile - e il femminile, in ciò che ha di negativo, è l'impossibilità di dire di no - non riesci a dirlo... Giusto? O ho fatto un gran macello??
:-)
V